2012 – Stagioni

Trovare il titolo per la sfilata: sembra facile:
Cossa femo, cossa no femo, bevemo un sorso. Femo cussì, magna un’oliva, femo colì, una feta de salame; che longhi, bon sto pecorin, mi tornassi in ferie, al bagno. Mi andassi a sciar, che buti fredo. Ma sta sito, che xè ancora de far San Martin, ti andarà per Nadal!!!
FERMA TUTO!
Fato el titolo!
STAGIONI
ESTATE: giornade longhe e calde, e per passarle in alegria tuti cori al bagno a rinfrescarse, chi sta in acqua, chi gioga con la sabbia e chi se buta soto l’ombrellon, ma no el pol star, perchè xe quei maledeti musati, e i contadini in campagna tira su i spaventapasseri, per mandar via i usei da l’orto.
AUTUNNO: Foie de tuti i colori, che bon! se magna le castagne e finalmente verzi le osmizze.
INVERNO: tiremo fora dei armeroni i capotti che ciapi aria perchè presto rivarà l’inverno col suo fredo, el suo iazo e magari anca qualche nevigada e via tutti in montagna a sciar. Che bel se prepara l’albero e se compra i regali che riva subito Nadal e dopo drioman se festeggia l’arrivo del novo anno.
Anno novo… vita nova, se disi, perchè finalmente tornerà de novo quele giornade tiepide che ne zucherà fora de casa a ingrumar fiorelini pei prà, i fiorelini appena spuntai, e i useleti? E le farfale? PRIMAVERA, che bela che xe la primavera.
Sì, la primavera merita el caro.
Vedarè!