1995 – Ia-Ia-Oh

Immagini gentilemnte concesse da Telequattro

Anche quest’anno ci presentiamo all’appuntamento tradizionale con il Carnevale Muggesano, con tanta allegria e serenità per evadere dal solito tran-tran quotidiano a cui siamo abituati. Il tema prescelto è del tutto apolitico” (anche perchè non sapevamo dove sbattere la testa con il caos che regna nella politica nazionale).
IA -IA – OH
Tanti penseranno al raglio di un asino, invece vi vogliamo ricordare l’allegro motivetto “Nella Vecchia Fattoria”.
Cercare di rappresentare la vita frenetica e faticosa di una fattoria non è stato facile, ma cercheremo con tanto brio di farvi assaporare l’atmosfera campagnola:
la sfilata sì apre con la sveglia, al sorgere del sole e al canto del gallo che “CHICCHlRICHISCE”. Primo compito dar da mangiare alle bestie: oche, galline, conigli in libertà che razzolano per l’aia. E subito dopo è il momento della raccolta degli ortaggi, con l’aiuto dei braccianti extra-comunitari. Nella vallata il duro lavoro del contadino è allietato dalle allegre musiche campagnole (proposte dalla Banda della “Vecia Trieste”), e dalla vista di un vivace campo di girasoli, ma il belare delle pecore ci richiama al dovere.
La vendemmia è alle porte. la brutta stagione si avvicina! Bisogna raccogliere le provviste per l’inverno, e (ahimè per il maiale) si fanno i salumi.
La vita nella campagna è anche fantasia di fumetti … le “Bellezze Naturali” vi presentano le peripezie di LUPO ALBERTO e dei suoi compagni d’avventure, impegnati in uno sketch esilarante.
Si sa che la vita di campagna è dura: ma non certo dal punto di vista mangereccio. Arriva infatti il carro principale su cui campeggia il nostro amico contadino, pancione, bonaccione e anche un po’ “beone”. Ma naturalmente, sincero e lavoratore.

3^ classificata con punti 25